News

null Teca del Mediterraneo ricorda la Giornata Mondiale Contro la Tratta di Esseri Umani

Teca del Mediterraneo ricorda la Giornata Mondiale Contro la Tratta di Esseri Umani

Il 30 luglio si celebra la Giornata Mondiale contro la tratta di persone, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2013, con Risoluzione A/RES/68/192. L'intento è di sensibilizzare la comunità internazionale sulla situazione delle vittime di tratta e promuovere la difesa dei loro diritti.

La tratta di esseri umani è lo sfruttamento criminale di donne, uomini e bambini per vari scopi, tra cui il lavoro forzato e lo sfruttamento sessuale. Ogni anno milioni di persone in tutto il mondo finiscono nelle mani dei trafficanti e vengono schiavizzate. Nel 2003 l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) ha iniziato a raccogliere informazioni sulle oltre 225000 vittime della tratta rilevate in tutto il mondo.

Tutti i paesi sono interessati dal fenomeno della tratta come paesi d’origine, come paesi di transito, o come paesi di destinazione.

La grande maggioranza delle vittime della tratta è utilizzata a scopo di sfruttamento sessuale ed il 35% delle vittime del lavoro forzato è costituito da donne. Secondo il rapporto mondiale sulla tratta delle persone elaborato dall’UNODC, nel 2018 i dati dimostrano che il fenomeno della tratta riguarda tutto il mondo: la proporzione delle persone trafficate all’interno del proprio paese è raddoppiato nei ultimi anni fino a raggiungere il 58% di tutte le persone rilevate.

Nel 2010 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato un piano d’azione mondiale per lottare contro la tratta di persone, esortando i governi a prendere delle misure concrete per contrastare questo flagello. Il piano prevede l’integrazione della lotta contro la tratta di persone in più ampi programmi delle Nazioni Unite al fine di accelerare lo sviluppo e rinforzare la sicurezza mondiale.

Nel settembre 2015 i paesi del mondo intero hanno adottato l'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, che comprende la repressione del lavoro forzato e la fine della schiavitù e della tratta di esseri umani. Gli obiettivi di sviluppo sostenibile mirano anche al divieto e all'eliminazione del lavoro minorile in tutte le sue forme.

In questa occasione segnaliamo libri presenti nel catalogo della Biblioteca, che affrontano questa tematica. CLICCA QUI

La Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia - Teca del Mediterraneo dal 6 giugno al 2 settembre 2022 resterà aperta dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle 19.30, nella sede di via Gentile 52 a Bari.